System Mind » Normative » Contabilizzazione del calore: arriva la nuova UNI 10200!
RISPARMIO - BENESSERE - AMBIENTE - SICUREZZA

Contabilizzazione del calore: arriva la nuova UNI 10200!


 
Lo scorso 11 ottobre è stata FINALMENTE pubblicata la nuova versione della norma UNI 10200,  elaborata dalla Commissione Tecnica (CT) 271 ‘Contabilizzazione del calore’, che regolamenta i criteri di ripartizione delle spese di riscaldamento, raffrescamento ed acqua calda sanitaria in edifici dotati di impianto centralizzato.
 
La versione della norma UNI 10200 del 2015, dunque, viene sostituita da quella appena pubblicata, che ha richiesto attente e approfondite valutazioni da parte degli esperti e in particolare da parte del CTI poiché il contesto è caratterizzato da una serie di disposizioni legislative e regolamenti particolarmente complicati: dal Codice Civile ai decreti di recepimento della direttiva europea sull’efficienza energetica, dai regolamenti condominiali alle regole della normazione.
 
L’obiettivo è quello di consentire la ripartizione delle spese nei casi previsti dalla legge e, tra i principali aggiornamenti di questa norma, è bene citare:
 
– la razionalizzazione e l’ottimizzazione dell’intera procedura di calcolo di ripartizione;

– l’introduzione della ripartizione delle spese anche nel caso di climatizzazione estiva o raffrescamento;

– l’introduzione di una metodologia per la ripartizione delle spese per gli edifici ad utilizzazione discontinua o saltuaria;

– una descrizione approfondita delle condizioni di utilizzo dei ripartitori di calore nel rispetto della UNI EN 834;

– l’introduzione di indicazioni specifiche in merito alla procedura di calcolo di ripartizione per alcuni casi particolari, come ad esempio le tubazioni correnti nelle unità immobiliari, o particolari configurazioni impiantistiche, come condominii articolati in più fabbricati;

– l’introduzione di una gerarchia a 4 livelli per la determinazione della potenza dei corpi scaldanti nel rispetto delle UNI EN 442-2 e UNI EN 834;

– l’introduzione delle modalità di valutazione per i fabbisogni dell’edificio e della singola unità immobiliare e per le perdite di distribuzione (Appendice D).
 
Gli approfondimenti sulla nuova norma e sulla sua applicazione sono in studio: mano a mano che ne scopriremo i vari dettagli ve li comunicheremo! Stay tuned!