Privacy Policy Rinnovare i Vecchi Impianti Elettrici Rimborsato Fino 1200€ - System Mind

Rinnovare i vecchi impianti elettrici? C’è un rimborso fino a 1200 euro

rinnovare i vecchi impianti

 

 

Da gennaio 2020 i condomini con impianti elettrici potranno usufruire di un rimborso per le spese dei lavori di aggiornamento.

Rinnovare i vecchi impianti elettrici interni ai condomini, per migliorare la sicurezza , con rimborsi per i lavori svolti fino a 1.200 euro per appartamento coinvolto e fino a 900 euro per ogni piano. L’autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ha orientato una procedura sperimentale che durerà tre anni, dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2022, per il rinnovamento degli impianti costruiti tra il 1970 e il 1985 se ritenuti critici.

Rimborso per condomini che rinnovano i vecchi impianti elettrici

L’obiettivo della decisione dell’autorità è quello di facilitare l’accorso tra gli amministratori di condominio e i distributori di energia elettrica per rinnovare le “colonne montanti” più vecchie, mantenendo in sicurezza gli edifici scopo alle richieste di aumento di energia.

I lavori di aggiornamento devono riguardare le colonne montanti, ovvero della conduttura collega il quadro elettrico degli edifici residenziali al contatore dell’ente che assegna l’energia elettrica finchè non è consegnata. Questo punto è centralizzato per tutti gli impianti presenti nel condominio e si trova in un locale accessibile a tutti, come lo scantinato o il sottoscala. I lavori di rinnovamento per cui si prevede un rimborso devono riguardare le colonne montanti, cioè quelle costruite nel 1970 fino al 1985 con criticità individuate dal distributore.

Rimborso impianti elettrici

La ricostruzione delle colonne montanti elettriche consiste nel rinnovo delle opere elettriche e delle opere edili, tra cui il ripristino, correlate (opere murarie o cavi dotti esterni al muro.

Durante i lavori di ammodernamento effettuano senza centralizzazione dei misuratori, il condominio effettua le opere edili con scasso e ripristino delle finiture già esistenti. La ristrutturazione consentirà ad ogni condomino di contestualizzare una potenza disponibile pari almeno a 6.6 kw.

  1. 400 euro al piano se finiture è di basso pregio, 500 euro di medio e 600 euro di alto;
  2. 700 euro all’utente in caso di finiture di basso pregio, 800 euro di meno e 900 euro di alto.

I lavori di rinnovamento delle colonne montanti elettriche possono prevedere l’Immediatezza centralizzazione dei contatori.

Il rimborso massimo previsto al condominio per le opere ed elettriche, sempre in funzione del livello di pregio delle finiture è il seguente:

  1. 700 euro al piano se finiture è di basso pregio, 900 se medio e 900 se è alto;
  2. 1000 euro alla persona se finiture di basso pregio, 1100 se medio e 1200 se è alto.

Come chiedere il rimborso?

Il distributore deve fornire al condominio un’informativa preliminare, sottoporre un accordo su costi, tempi e modalità per rinnovamento delle colonne montanti elettriche.

A tale riguardo, dice l’Arera, le imprese distributrici dovranno determinare, entro il 30 giugno 2020, la versione sperimentale di “contratto – tipo” valido per gli anni 2021 – 2022. Sarà il distributore effettuare i rimborsi al condominio.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Lascia la tua email per rimanere in contatto con SystemMind!
Scoprirai tutte le nostre novità, consigli e servizi direttamente nella tua mail ogni due settimane.
0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto!
Avvia la chat
Ciao! Come ti posso aiutarti?